COSA FACCIAMO 

1/54
PROMUOVIAMO LA CULTURA DI PACE  TIBETANA

I TIBETANI HANNO UNA CULTURA DAVVERO SPECIALE BASATO SULLA PACE E LA COMPASSIONE PER TUTTI GLI ESSERI. 

TSO PEMA CERCA DI PROMUOVERE QUESTA CULTURA TRAMITE CORSI INFORMALI TIPO LEGGERE LIBRI INSIEME, LA CUCINA TIBETANA, YOGA, MEDITAZIONI VARI, CENE DI BENEFICENZA, COSTRUZIONI DI MANDALA DI SABBIA, BENEDIZIONI DI CASE O POSTI DEL LAVORO, CONFERENZE SUL DHARMA E ALTRE ATTIVITA' CHE FANNO PARTE DELLA CULTURA TIBETANA.

 

ATTIVISMO

Cliccare sul logo per conoscere le nostre attività: corsi, cene, ecc.

NON C'E' FINE DI CIO' CHE UNO PUO' FARE PER INFORMARE GLI ALTRI SU COSA STA SUCCEDENDO IN TIBET.

 

IN QUESTO MOMENTO CI SONO STATI CIRCA 126 AUTO-IMMOLAZIONI DA PARTE DEI TIBETANI.  LA MAGGIOR PARTE IN TIBET MA ALCUNI IN NEPAL E INDIA.  SI BRUCIANO VIVI PER PROTESTARE CONTRO IL REGIME CHE GLI REPRIME E CHE GLI DOMINA A CASA LORO!  UNA TRAGEDIA SENZA FINE.

NOI DI TSO PEMA CERCHIAMO DI RIMANERE IL PIU' INFORMATO POSSIBILE SUI FATTI CHE SUCCEDONO IN TIBET COSI' POSSIAMO INFORMARE PIU' PERSONE POSSIBILI.

PARLIAMO NELLE SCUOLE ... ELEMENTARI, MEDIE E SUPERIORI.  TUTTE LE ETA' VANNO BENE.

 

ANDIAMO NELLE PIAZZE E CHIEDIEMO PER PROMUOVERE PETIZIONI.

PARTECIPIAMO AI RADUNI, LE PROTESTE E ALLE CONFERENZE.

GLI ORGANIZZIAMO PURE!

UN LAVORO CHE NON FINISCE MAI!

 

 

LAVORI SOCIALI PER TIBETANI
CHE VIVONO IN ESILIO

TSO PEMA AIUTA TIBETANI IN ESILIO DAL  PRIMO GIORNO.

ABBIAMO AIUTATO QUATTRO GIOVANI TIBETANI COMPLETARE I LORO STUDI UNIVERSITARI IN INDIA.  ATTUALMENTE ABBIAMO 3 RAGAZZI CHE STUDIANO ALL'UNIVERSITA' ...  2 IN INDIA,  1 IN CINA.

AIUTIAMO ANZIANI E MALATI.

NEL 2013 ABBIAMO PAGATO L'OPERAZIONE AD UN RAGAZZO CON UN TUMORE AL CERVELLO A NEW DELHI.

TSO PEMA HA UN COLLABORATORE CHE SI OCCUPA DEI TIBETANI MALATI A NEW DELHI, SONAM WANGYAL.

QUESTO RAGAZZO, NATO IN TIBET MA ORA RESIDENTE A MANJU-KA-TILLA A DELHI PORTA MALATI IN OSPEDALI INDIANI PER PARLARE CON I MEDICI IN MODO VELOCE E EFFICENTE E SERVE I MALATI (DI QUALSIASI NAZIONE) IN QUALSIASI MODO CHE RIESCE.

 

NEL 2012 SIAMO RIUSCITI A PRENDERE UN ASSICURAZIONE SULLA SALUTE A QUASI 100 TIBETANI POVERI ORGANIZZATO DAL GOVERNO TIBETANO IN ESILIO. 

IN INDIA SI PAGA OGNI VISITA, OGNI MEDICINA, OGNI OPERAZIONE, ECC. ECC. E PUO' ESSERE MOLTO COSTOSO PER UN MALATO.

COSì, TRAMITTE UN PROGRAMMA DI ASSISTENZA FINANZIARA ORGANIZZATO DAL GOVERNO TIBETANO IN ESILIO E GRAZIE AI TANTISSIMO SUPPORTER, I MALATI HANNO TROVATO AIUTO.

(vedete il link sulla pagina HOME ITALIANO)

 

IL SUPPORTO è GRAZIE A TUTTE LE PERSONE GENEROSI CHE CREDONO IN CIO' CHE FACCIAMO.

GRAZIE A QUELLE STESSE PERSONE SIAMO RIUSCITI A PORTARE 2 VALIGIE PIENI DI VESTITI PER BAMBINI E OCCHIALI DA VISTA NEL 2012.

 

L'ULTIMO MA NON DI MENO, TSO PEMA INSIEME AD ALTRI 11 ORGANIZZAZIONI PRO-TIBET A ROMA, HANNO PORTATO AVANTI IL PROGETTO "THAP SHE' SARPA" OSSIA "IL NUOVO METODO" SPONSORIZZATO NEL 2013 DALLA PROVINCIA DI ROMA FINO AL 2014.

(SI TROVA IL LINK IN FONDO DI QUESTA PAGINA)

 

 

Dalla nascita di Tso Pema Non-Profit il 10 dicembre 2010 ad oggi questa è una lista di COSE che siamo riusciti a fare grazie agli aiuti di tantissime persone

 

  • Mandare circa 5 ragazzi tibetani in esilio in India all’università

  • Partecipare al progetto “Thap Shè Sarpà”  (www.periltibet.org)

  • Organizzare 3 tour di beneficenza per i monaci del casato di Tehor Khangsten del monastero di Gaden Jangste a Mundgod nello stato del Karnataka, India, permettendo ai monaci di fare i lavori di ingrandimento, costruire bagni nuovi, mettere una copertura sul tetto per proteggere l'ultimo piano durante i monsoni e pagare lo stipendio a degli insegnanti dei monaci.

  • Pubblicare 1000 copie del libro “37 Pratiche di Un Bodhisattva” in inglese per Ghesce Dorje Damdul, direttore di Tibet House, Delhi

  • Pubblicare 1000 copie del libro “Gems of the Heart” per l’associazione Donne Tibetane in India. (Tibetan Woman’s Association)

  • Offrire un assicurazione sulla salute organizzato dall’amministrazione tibetana in esilio ad oltre 90 persone per 2 anni consecutivi a Manjukatilla, quartiere tibetano a Delhi. (2013 e 2014)

  • Pagare un operazione chirurgica ad un ragazzo tibetano-indiano affetto da un tumore al cervello a New Delhi.

  • Pagare medicine ad alcuni tibetani poveri sia a Manjukatilla che a Dharamsala

  • Mettere in piedi un servizio per la salute a Manjukatilla, Delhi per tibetani, indiani, ecc. che quando c’è un emergenza medica o se c’è bisogno di aiuto nel scegliere un medico o per chi ha bisogno di aiuto, anche solamente di traduzione, quando va dal medico.   Il servizio è gratuito.  

  • Pagare, dal 1°febbraio 2016, l'affitto per 2 uffici a Dharamsala dove degli avvocati tibetani hanno aperto un servizio gratuito di assistenza legale. Il loro sito è: www.tibetanlegalassociation.org             Questo servizio è stato richiesta specificamente da SS il Dalai Lama nel 2013. Siamo veramente felici di poter aiutare ad un servizio così importante e fondamentale.

 

DECEMBRE 2013 ...

COSA ABBIAMO FATTO FINO AD ORA ...

CHE SUCCEDE?

WHAT'S UP?

PROGETT A LUNGO TERMINE

​"AIUTARE  GLI ALTRI è IL MODO PER TROVARE LA PROPRIA FELICITA' "

LIFETIME PROJECT

"HELPING OTHERS IS THE PATH TO FINDING ONES OWN HAPPINESS "

 

PROGETTI ATTUALI

ON-GOING PROJECTS

Tibetan Medicare

 

Campaign to give poor Tibetans living in exile a Tibetan Administration sponsored "Medicare" policy for one year ...

CONTATTI

CONTACTS

Roma   -  Rome, Italy

Tel: +39 - 3472273691 
 

Tibet Legal Association

Dal 1° febbraio 2016 paghiamo l'affitto per 2 uffici a Dharamsala dove degli avvocati tibetani hanno aperto un servizio gratuito di assistenza legale su richiesta di SS il Dalai Lama

 

Starting on 1 February, 2016 Tso Pema Non-Profit began paying the rent for 2 law offices for the Tibetan Legal Association.  A group of Tibetans who received their law degrees in India were asked by HH the Dalai Lama to open a free legal aid office to assist Tibetans living in exile back in 2013.  It has now become a reality!

 

© 2013 by TSO PEMA NON PROFIT 

  • w-facebook
Delhi 2015 gennaio

Il secondo incontro a Delhi